Biorivitalizzazione

La biorivitalizzazione consiste in piccole iniezioni di principi attivi in base all’esigenza della cute.

La pelle è un sistema complesso di strutture e legami chimici che le consentono di mantenere elasticità, idratazione e tono.
Con il tempo questi legami possono rompersi ed è quindi necessario agire sulle strutture di sostegno della cute.
Per farlo, si può agire con sostanze specifiche che, inoculate nel derma superficiale, stimolino la pelle ad autorigenerarsi.
La biorivitalizzazione, nota anche come biostimolazione o biorigenerazione, è una metodica che si basa su iniezioni di prodotti biocompatibili e completamente riassorbibili, dedicati al benessere della cute.
La nostra pelle è organizzata in modo da rinnovarsi completamente ogni 28 giorni circa grazie all’attività delle cellule del tessuto connettivo, i fibroblasti.
Con il trascorrere del tempo però la loro azione diventa più lenta fino a non produrre più una quantità sufficiente di collagene ed elastina (crono-invecchiamento).
Dal momento che la pelle del viso è quella più esposta alle intemperie, all’inquinamento e al sole, va aggiunta anche un’esponenziale 

degenerazione cutanea ad opera di questi fattori (foto-invecchiamento).
La biorivitalizzazione è una tecnica infiltrativa volta a migliorare la qualità della cute fornendole le sostanze di cui ha bisogno e che le vengono a mancare.
Questa metodica NON rappresenta un trattamento anti-rughe bensì fornisce alla pelle gli elementi necessari affinché esse non si vengano a formare.
Unisce all’azione di principi attivi specifici, i micro-traumi causati dall’ago nel derma, che stimolano la cute ad attivare i suoi naturali processi riparativi.

La tecnica ha principalmente 3 funzioni:

Idratante: utilizza sostanze in grado di richiamare acqua nei tessuti fin dal primo trattamento per mantenerli elastici.
Ristrutturante: favorisce il naturale riciclo cellulare e stimola i fibroblasti a produrre neo-collagene ed elastina.
Antiossidante: contrasta i radicali liberi in modo da rallentare l’invecchiamento cutaneo.

Questa tecnica è efficace sia sulle pelli giovani sia su quelle più mature.
La biorivitalizzazione viene eseguita sul viso con aghi molto sottili adatti alle zone più delicate quali collo, mani e decolleté.
La sua azione è volta a contrastare: pelle secca e spenta; mancanza di tonicità dei tessuti; colorito grigiastro o giallastro; sottili rughe e segni d’espressione; cute raggrinzita.
Trattamento Il trattamento per di più può essere effettuato in combinazione con filler e lifting in qualsiasi stagione. Talvolta è persino consigliabile eseguirlo in estate in quanto le sostanze iniettate forniscono una decisa protezione dall’esposizione solare.
I prodotti utilizzati per la biorivitalizzazione sono i più svariati: l Acido Ialuronico è senza dubbio il principio attivo più richiesto, ma non deve essere confuso con il filler.
L’acido ialuronico usato per la biorivitalizzazione infatti è più fluido, a basso peso molecolare e quindi assorbito dai tessuti in modo più rapido.